Pet Flexfit FChTio

blc6KrSNu2
Pet Flexfit FChTio

materiale dello strato esterno: 80% poliacrilico, 20% wol

tutto ciò che riguarda questo prodotto

Materiale: 80% poliacrilico, 20% wolle

modello: misto

codice prodotto: ff054b006-q12

Pet Flexfit FChTio Pet Flexfit FChTio Pet Flexfit FChTio Pet Flexfit FChTio Pet Flexfit FChTio Pet Flexfit FChTio Pet Flexfit FChTio
Menu

Nessun prodotto

Da determinare Spedizione
0,00 € Imposta
0,00 € Totale

I prezzi sono IVA inclusa

Marvin amp; Co Zwart Dalkeith 8jnUaV

Quantità
Totale
Totale prodotti (Tasse incl.)
Totale spedizione(Tasse incl.) Da determinare
Imposta 0,00 €
Totale (Tasse incl.)
Continua lo shopping Fresco n Pizzo Ribelle Senza Fili Auricolari Sportivi Koptelefoon zOYLemSV
Menù
Nella nostra azienda, da oltre quarant'anni,
le antiche ricette della più rinomata
tradizione cioccolatiera artigianale
prendono vita affiancate da una sofisticata tecnologia.
Lavoriamo ogni nostro prodotto
creando piccoli ed irresistibili capolavori di genuinità.
Oltre ad una lavorazione attenta e specializzata,
ciò che ci ha connotato quali 'estimati' produttori nel mondo,
è sicuramente la scelta delle materie prime
sempre di ottima qualità.
39,90 € Disponibile

CIOCCOLATINO AL RHUM

39,90 €
Melvin amp; Hamilton Patrick Veterboots C5gZSqZ
39,90 € Disponibile
Amaretto

CIOCCOLATINO ALL' AMARETTO

39,90 €
Tom Tailor Denim Mila Ahoi Shopper Shopper T3IUXvDn
39,90 € Disponibile

CIOCCOLATINO AL WHISKY

39,90 €
Aggiungi al carrello
39,90 € Disponibile

CIOCCOLATINO AL TIRAMISU'

39,90 €
Gabor 76585 Qxx9k
39,90 € Disponibile

CIOCCOLATINO ALLA NOCCIOLA

Tbs Typhany Blu Jbh6mhJH
| nonunadimeno

tratto da Claire Dames 1 Mocassini D95fr7CBdS

Sono passati quasi dieci anni dalla grande mobilitazione femminista contro la violenza maschile sulle donne “Non nel mio nome!”, esplosa dopo l’omicidio di Giovanna Reggiani nell’ottobre 2007. Una manifestazione enorme e potente contro la strumentalizzazione mediatica e politica in chiave sicuritaria e razzista della violenza sulle donne. “Non nel mio nome” era insieme una dichiarazione e un monito alle istituzioni, ai mass media, alle agenzie di controllo sociale a non utilizzare più il portato simbolico del corpo delle donne per riprodurre la retorica dello straniero stupratore, rafforzando il nesso costitutivo tra sessismo e razzismo su cui è costruita l’identità nazionale bianca ed eteronormativa. “Non nel mio nome” significava che la violenza di genere non poteva e non può essere relegata alla rappresentazione di un fenomeno estraneo alla nostra società per alimentare processi di criminalizzazione e vittimizzazione, ma che essa è invece nell’esperienza di ognuna un elemento costante, pervasivo e profondamente familiare. Ed è infatti nella famiglia – italiana, bianca, cittadina, eterosessuale – e nella costruzione dei ruoli e delle relazioni asimmetriche di genere, che si annida la violenza in tutte le sue forme: sessuale, economica, fisica e psicologica. Ormai, grazie a quel movimento e al lavoro quotidiano dei centri antiviolenza, dei collettivi femministi, transfemministi e queer, possiamo dire che questo dato è stato assunto; la violenza nel discorso pubblico è finalmente “tornata a casa” (dove è sempre stata) e il problema della sua dimensione intima e strutturale è consapevolezza comune.

Eppure. Qualcosa, in questo passaggio, è andato storto. Se la violenza di genere è collocata nello spazio delle relazioni intime, non per questo ha cessato di esser considerata un’eccezione. L’uomo nero è ancora tra noi: è apparentemente bianco, ma non fa parte della nostra specie. È pazzo, depresso, ha avuto un raptus, era geloso, ama troppo, è stato amato troppo poco, sembrava un uomo tranquillo – chi l’avrebbe mai detto. La potenza della parola delle donne è stata assorbita da una narrazione tossica che ne ha neutralizzato il portato sovversivo e conflittuale: la violenza di genere continua ad essere rappresentata come un evento straordinario e non un continuum radicato in una cultura sessista che si riproduce in tutti i rapporti sociali e che colpisce tutte le soggettività che non aderiscono alla dicotomia imposta dall’ordine sociale di genere. Mass media e agenzie di controllo sociale concorrono nella costruzione di stereotipi machisti ed eteronormativi, in cui il maschile non viene mai interrogato sulla sua posizione di potere e privilegio e sulla sua performatività, sull’incapacità di relazionarsi all’altro e all’altra, sulla violenza simbolica e materiale che agisce nella sfera intima così come in quella pubblica. Speculare a questa rappresentazione è quella delle donne, che continua ad essere schiacciata sul ruolo di vittime, madri, mogli senza voce, oggetti – di desiderio se conformi all’estetica dominante, di tutela se deboli, di colpevolizzazione se indisciplinate e indisciplinabili– e mai soggetti di autodeterminazione.

La medaglia della vittimizzazione delle donne nelle retoriche allarmistiche e paternalistiche sulla violenza di genere mostra infatti due lati oscuri. Da un lato, la definizione di ciò che una buona vittima dev’essere per meritare tutela: donna per bene, decorosa e moralmente irreprensibile, dedita a riprodurre se stessa, il proprio ruolo e la propria nazione; dall’altro, la sua (conseguente) incapacitazione ad agire la propria libertà attraverso la criminalizzazione di tutte le altre: sex worker, attiviste femministe, queer, lesbiche, gay, trans e intersex, donne che rifiutano la riproduzione come destino. Corpi e soggettività devianti che vanno ricondotte forzatamente alla norma eterosessuale emanata dalla natura (o da Dio!), continuamente rifondata sia dalla razionalità neoliberista che da quella neofondamentalista, coesistenti e complementari tra loro. Che si tratti infatti dei processi di inclusione differenziale e di gerarchizzazione delle differenze (come nel caso del neoliberismo, basti pensare alla legge sulle Unioni Civili e alla squalificazione delle relazioni non eteronormative che ha sancito) o della loro esclusione dalla cittadinanza civile e sociale (come in quello del neofondamentalismo, esemplificate dalle retoriche sul Gender e l’ineffabile campagna del Fertility Day, direttamente ideata da un’emissaria del Family Day pagata dal governo italiano), è infatti sempre nella cornice eteronormativa che si riconducono i processi di criminalizzazione e vittimizzazione nel campo della sessualità, della riproduzione e delle relazioni di genere e che passano sopra e attraverso il corpo delle donne. Ed è sempre nel contesto del paradigma dell’eterosessualità obbligatoria che il maschile viene legittimato e riaffermato come dominante e la maschilità egemone diviene modello relazionale, generatore di violenza sulle donne, omo e transfobia, bullismo e altre forme di esclusione e subalternità.

A questa narrazione – e al tradimento della spinta sovversiva guidata da quel “Not in my name!” – ha contribuito una rinnovata vulgata essenzialista di un certo sedicente femminismo di cui non sentivamo certo la mancanza. Il dibattito scaturito intorno alla possibilità di riconoscere diritti riproduttivi e di adozione per le coppie dello stesso sesso ha prodotto un ripiegamento sulla difesa della “Natura” come dispositivo ordinatore del riconoscimento di diritti riproduttivi e di cittadinanza sessuale, e in questo processo di naturalizzazione il corpo delle donne è tornato ad essere ingabbiato nella sua funzione esclusiva e necessaria di riproduzione. L’inquietante alleanza tra neofondamentalismo e femminismo della differenza si è saldata davanti ai nostri occhi, fondandosi proprio sulla sacralizzazione della maternità e sull’ipocrita rifiuto della mercificazione del corpo femminile, mentre non una parola è stata spesa sulla precarizzazione sociale di cui le donne sono le prime – vere – vittime e nessuna indignazione si è espressa per l’erosione di diritti e welfare che impediscono ad ognuna e ognuno di progettare la propria vita liberamente e fuori da ricatto economico.

Dunque, dobbiamo essere donne e vittime per bene, madri e mogli di qualcuno, uteri al servizio del popolo e della famiglia tradizionale, baluardo della difesa di un’identità nazionale bianca, civilizzata, eterosessuale e cristiana. In queste retoriche moralistiche ed essenzialiste si cela – è il caso di dirlo, neanche troppo velatamente – anche una nuova forma di neocolonialismo, che si pone in posizione di superiorità morale e pedagogica verso le altre che ancora non hanno imparato la lezione dei loro diritti a casa nostra. Le altre siamo noi, precarie e non addomesticate all’imperativo riproduttivo; le altre sono le donne del “terzo mondo” che si farebbero sfruttare “affittando” il proprio utero per soddisfare i capricci del primo e svuotando il significato fondativo della relazione tra madre e figlio. Le altre, sono le donne che si coprono troppo o troppo poco, sfuggendo alla normatività occidentale che definisce quali sono i corpi decorosi e quelli indecorosi. Si potrebbe dire che dall’immaginario vittimistico de “Il corpo delle donne” alla legittimazione del bando francese del burkini la strada è breve, e questa relazione va mostrata una volta per tutte per quello è: razzista, femonazionalista e nemica dell’autodeterminazione di ognuna. Alle ancelle del neofondamentalismo, ai censori laici e religiosi, ai padri, padroni, partner e compagni sessisti e omo transfobici, ai controllori dell’anima e ai giudici della carne abbiamo un messaggio chiaro da consegnare: i nostri corpi non saranno più il vostro campo di battaglia, ma il terreno minato su cui crollerete rovinosamente. Verremo ovunque per occupare lo spazio pubblico e quello che vi ostinate a tenere privato, per agire liberamente il nostro desiderio, per liberare le nostre vite e i nostri corpi da precetti morali e imposizioni eteronormative, e per aprire nuove relazioni con tutte le altre che vorranno disfare i propri ruoli, tradire le proprie genealogie, riconquistare la propria libertà. Le nostre voci si moltiplicheranno, insieme alle compagne argentine e latinoamericane che stanno lottando contro il machismo che continua ad ucciderle e torturarle, insieme alle donne polacche scese in sciopero contro il tentativo neofondamentalista di proibire totalmente l’aborto; insieme alla rivoluzione femminista in Rojava e contro tutte le guerre e i fascismi che incendiano i nostri mondi. Per uno sciopero sociale e femminista transnazionale, noi continueremo a desiderare e lottare per difendere e diffondere la nostra liberazione permanente.

De/Sidera 2.0 , 18/19 novembre 2016, Bioslab, Padova [verso la due giorni contro la violenza sulle donne e di genere “NON UNA DI MENO”, 26-27 novembre 2016, Roma ]

Annunci

Condividi:

Accetta e Chiudi
Link veloci
Patrimonio $0.00 PL $0.00

Perdite nel settore energetico continuano a deprimere il mercato

31 Gennaio 2018

Mercati Azionari USA

Martedì Wall Street ha chiuso in rosso con GreggioGas, Telecomunicazioni e utenze in testa ai ribassi. Il Dow Jones ha perso l'1,37%, il NASDAQ lo 0,86% e l'SP 500 l'1,09%. In base al grafico 8-ore, il NASDAQ viene scambiato oltre la linea di supporto a 6920, e si prevede che possa raggiungere quota 7100. Tuttavia, nel caso in cui dovesse scendere al di sotto della linea di supporto, potrebbe subire un calo verso quota 6750.

Ultimo : 187,12

Facebook ha guadagnato lo 0,62%, chiudendo a $187,12. Tecnicamente, in base al grafico 8-ore, il titolo viene scambiato in prossimità della banda intermedia delle Bande di Bollinger con un MACD inferiore a 0. Mantenendo queste condizioni, ciò potrebbe proseguire il momento negativo verso quota $170. Tuttavia, nel caso in cui dovesse risalire verso la banda superiore, ciò potrebbe modificare la tendenza e farlo risalire verso quota $185.

Dollaro USA (USD)

Nella sessione di martedì il dollaro USA si è ripreso dalle perdite nei confronti di un paniere di valute principali con l'inizio della riunione di due giorni della Federal Reserve. Oggi, il Tasso dei Fondi Federali è atteso invariato all'1,5%.

Ultimo : 1.337

L'oro si è deprezzato, chiudendo a $1337. In base al grafico giornaliero, l'oro viene scambiato oltre la resistenza a $1297 ed è atteso un rialzo verso quota $1380. Tuttavia, nel caso in cui dovesse scendere al di sotto della linea di resistenza, potrebbe subire un calo verso quota $1280.

Ultimo : 63,86

Martedì il petrolio greggio ha chiuso in calo poiché le stime del settore in merito alle scorte degli Stati Uniti sono state deluse e il mercato ha guardato avanti verso una settimana di rischi di dati e di eventi v. In base al grafico 1-ora, il greggio viene scambiato al di sotto della linea di supporto a $63,05, e si prevede che possa raggiungere quota $68. Tuttavia, nel caso in cui dovesse scendere al di sotto della linea di supporto, potrebbe subire un calo verso quota $60.

Ultimo : 1,2409

L'euro si è apprezzato nei confronti del Dollaro USA. In base al grafico 4-ore, la coppia EUR/USD viene scambiato in prossimità della banda intermedia dell'indicatore delle Bande di Bollinger con il MACD inferiore a 0. Fintanto che manterrà queste condizioni, la coppia potrebbe scendere verso quota 1,2. Tuttavia, nel caso in cui dovesse risalire verso la banda superiore, ciò potrebbe modificare il momentum e far risalire il titolo verso quota 1,26. Oggi, è attesa la stima flash a/a dell'IPC previsto a 1,3% contro l'1,4% precedente.

Ultimo : 1,415

La Sterlina si è apprezzata nei confronti del Dollaro. In base al grafico 4-ore, la coppia GBP/USD viene scambiata in prossimità della banda intermedia dell'indicatore delle Bande di Bollinger e con un RSI inferiore a 50. Mantenendo queste condizioni, sarà possibile assistere ad un rialzo verso quota 1,45, mentre qualora dovesse scendere al di sotto della parte inferiore, ciò potrebbe causare un calo verso 1,38.

Evans Ampia Vestibilità Romy Espadrillas gMXB2ycSTu
Giga Da Killtec Parka Con Cappuccio E Colletto In Pelliccia Sintetica Scuro PmPDhLeXOh
Successivo

Liberatoria: L’informazione contenuta in questa pubblicazione è fornita dalla Alliance Signals, un marchio depositato di iSignals GmbH, regolato da Polyreg in Svizzera. Questo materiale è da considerarsi come una comunicazione di marketing che non contiene e non si deve intendere atta a fornire consigli di investimento o raccomandazioni all’investimento o un’offerta o sollecitazione ad effettuare alcuna transazione in strumenti finanziari. UFX non può confermare e non si assume alcuna responsabilità per l’accuratezza o completezza delle informazioni fornite, o eventuali perdite derivanti da investimenti effettuati sulla base di questo materiale, sulle previsioni o altre informazioni fornite da un dipendente UFX, una terza parte o altrimenti. Tutte le opinioni sono soggette a cambiamento senza preavviso. Le opinioni espresse potrebbero essere opinioni personali dell’autore e non riflettere l’opinione o le opinioni di UFX. Questa comunicazione non può essere riprodotta o ridistribuita senza l’autorizzazione di Alliance Signals.

Servizi offerti da Italia Ius Info per abbonarsi Info per stampare un post Contatti Venetoius
15 Feb 2013
0 Condividi

Il T.A.R. Veneto, sez. I, con la sentenza del 08 febbraio 2013 n. 178, chiarisce alcuni aspetti concernenti l’aggiudicazione provvisoria.

Premesso che l’art. 11, c. 5 e 8, D. Lgs. 163/2006 recitano: “ L a stazione appaltante, previa verifica dell'aggiudicazione provvisoria ai sensi dell' articolo 12, comma 1 , provvede all'aggiudicazione definitiva ” e “ L 'aggiudicazione definitiva diventa efficace dopo la verifica del possesso dei prescritti requisiti ”, mentre l’art. 12, c. 1, D. Lgs. 163/2006 stabilisce che: “ L'aggiudicazione provvisoria è soggetta ad approvazione dell'organo competente secondo l'ordinamento delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori, ovvero degli altri soggetti aggiudicatori, nel rispetto dei termini previsti dai singoli ordinamenti, decorrenti dal ricevimento dell'aggiudicazione provvisoria da parte dell'organo competente. In mancanza, il termine è pari a trenta giorni. Il termine è interrotto dalla richiesta di chiarimenti o documenti, e inizia nuovamente a decorrere da quando i chiarimenti o documenti pervengono all'organo richiedente. Decorsi i termini previsti dai singoli ordinamenti o, in mancanza, quello di trenta giorni, l'aggiudicazione si intende approvata ”, il Collegio afferma che: “ l’inutile decorso del termine (di trenta giorni, qualora non diversamente previsto) indicato nell’art. 12, I comma del codice dei contratti comporta non già l’aggiudicazione definitiva, ma soltanto l’approvazione dell’aggiudicazione provvisoria della gara (adempimento, questo, che ai sensi del citato art. 11, V comma, è preliminare all’adozione del provvedimento finale di aggiudicazione definitiva): in altre parole, scaduto il termine di trenta giorni dall’aggiudicazione provvisoria, quest’ultima, in difetto di un provvedimento espresso, si ha per approvata tacitamente, e l’aggiudicatario provvisorio può esigere, chiedendola formalmente, l’emissione del provvedimento di aggiudicazione definitiva, quale atto conclusivo della procedura concorsuale (cfr. CdS, III, 16.10.2012 n. 5282; IV, 26.3.2012 n. 1766, citata dalla stessa ricorrente) ”.

Nike Performance Legendx 7 Fg Club Scarpe Da Calcio Con Tacchetti uShUVYB9Ne
.